8 dicembre: Cuntala giochi senza stereotipi

giochi per bambini e bambine

Arriva Natale ed anche se lo spirito non ci avvolge i regali sono d’obbligo.
Ecco che allora Tuba vi propone Cuntala,
giochi per bambini, bambine senza stereotipi di
genere, nazionalità e preferenze sessuali.
Perchè è soprattuto giocando che s’impara.
8 dicembre ore 16.30

29 novembre: auguri Tuba

tuba-6-anniVenerdì 29 novembre: festa di compleanno di TUBA!

Il tema di quest’anno è tube e marinai, vi vogliamo a righe, con i baffi, tacchi vertiginosi, draggat, travestit, maschera,: piratesse, scaricatori di porto, sirenetti, pupe o marinai.. e orecchini d’oro, cuori e ancore.
Noi ci mettiamo cocktail con ombrellini, tiro alla fune, e l’ormai tradizionale riffa di compleanno!

Selezioni musicali a cura di Flavia.

19 novembre: presentazione di La Tarantina

tarantina

19 NOVEMBRE ALLE ORE 19 
presentazione di La Tarantina
sarà presente la curatrice Gabriella Romano
e la scrittrice Maria Rosa Cutrufelli

“D’improvviso la guerra ci sembrò lontana, ci scrollammo di dosso la polvere, la fame, la fatica del dopoguerra, per la prima volta alzammo gli occhi e guardammo avanti. Il peggio era finito. A quei tempi Roma era una calamita, tutti sognavano di vivere nella città del cinema, delle star, la capitale dell’eleganza e della modernità di cui leggevamo sui rotocalchi: e il miraggio era a portata di mano, proprio lì, a pochi chilometri di distanza”.
“La ‘dolce vita‘ romana incalzava, mi seduceva, mi spronava a buttarmi a capofitto in situazioni sempre più scandalose, perché erano anni di grande euforia, sfrenatezza, c’era il gusto di esagerare, di infrangere i tabù del passato… Via Veneto era una passerella a tutte le ore, i caffè erano sempre affollatissimi. Io in quella via mi sentivo una regina, ero ricercata perché, in quegli anni, gli anni Cinquanta e Sessanta, non esisteva quasi nessuno come me, ero una mosca bianca”. Protagonista della “dolce vita” romana, indiscussa regina dei Quartieri Spagnoli, amata e corteggiata. La vita della Tarantina è stata certo tutto questo, ma non solo. Come molti altri “femminielli” della sua generazione o delle successive, la sua è stata anche un’esistenza faticosa, fatta di dolorosi rifiuti (in particolare da parte della famiglia e della comunità di origine), di precarietà e disperazione, di carcere e sogni infranti. Dal suo racconto senza veli e ricco di incontri spesso inaspettati, esce il ritratto a tutto tondo e a tinte forti di una persona che ha vissuto con coraggio e ostinazione, alla ricerca della felicità, senza mai negare se stessa. Coraggio e ostinazione che ancora oggi, alla soglia degli ottant’anni, non sembrano affatto averla abbandonata – come già testimonia questo suo raccontarsi in pubblico.

La curatrice

Gabriella Romano è documentarista e saggista. Ha lavorato a lungo a Londra nell’ambito della produzione e della ricerca televisiva, collaborando con la Rai e numerose società di produzione inglesi, americane e canadesi, tra cui la Bbc. È autrice di diversi documentari, nonché di saggi e racconti. Per i nostri tipi a pubblicato I sapori della seduzione (2006), mentre per Donzelli Il mio nome è Lucy. L’Italia del XX secolo nei ricordi di una transessuale (2009).

24 novembre: cosa fanno le bambine?

volantino claudia

Quante novità in libreria!

Elena Ferrante “Storia di chi fugge e di chi resta” E/O

copertina_1270

 

Laurie Penny “Meat Market. Carne femminile sul banco del capitalismo” Settenove

Copertina_STAMPA_PANTONE

 

Suad Amiry “Golda ha dormito qui” Feltrinelli

golda 2

Carola Susani “Miti romani” Nuova Frontiera Junior

carola

Goliarda Sapienza “La mia parte di gioia” Einaudi

gioia

TUBA: lunedi chiusa

tuba_aperitivo

Ciao per i prossimi mesi Tuba avrà come giorno di chiusura il lunedi. Per il resto della settimana vi aspettiamo dalle 16.30 all’ 1 di notte. Vi aspettiamo in via del Pigneto 19.